Playoff: in 5 del Siena non giocheranno la finale di Pescara

11.06.2018 18:00 di Andrea Martino Twitter:   articolo letto 1452 volte
Playoff: in 5 del Siena non giocheranno la finale di Pescara

La Robur Siena ha firmato l'impresa al "Massimino" di Catania, ma l'infuocato campo siciliano ha imposto ai bianconeri uno scotto molto salata da pagare. Nella finalissima per la Serie B di sabato 16 giugno a Pescara mister Mignani dovrà fare a meno di ben cinque elementi della sua rosa. 

Il Giudice Sportivo della Serie C, dopo il ritorno delle semifinali disputatosi ieri sera, ha emesso il penultimo comunicato della stagione. Di seguito le parti salienti.

SQUALIFICA PER QUATTRO GARE EFFETTIVE:
SANTINI CLAUDIO (ROBUR SIENA)
 perché al termine della gara, nel tunnel degli spogliatoi, nell'ambito di una  colluttazione fra tesserati di entrambe le squadre, tentava di colpire con un calcio un tesserato della squadra avversaria, non riuscendovi, e colpendo invece al fianco destro un addetto federale, provocandogli forte dolore e la necessità di cure mediche.
BULEVARDI DANILO (ROBUR SIENA) per recidività in ammonizione (II INFR) e perché, al termine della gara, rientrava negli spogliatoi urlando a voce alta "abbiamo vinto contro tutti e contro la Lega", frase inopportuna e oltraggiosa.

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER DOPPIA AMMONIZIONE:
IAPICHINO DENNIS (ROBUR SIENA) entrambe per condotta scorretta verso un avversario.
RONDANINI IVAN (ROBUR SIENA) entrambe per condotta scorretta verso un avversario.

CALCIATORI NON ESPULSI:
SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER RECIDIVITÀ IN AMMONIZIONE (II INFR):
PASCALI MANUEL (COSENZA)
VINETOT KEVIN MATHIEU (SÜDTIROL)
GERLI FABIO (ROBUR SIENA)

AMMENDE:
€ 3.500,00 CATANIA
 perché persona non identificata, ma riconducibile alla società, presente sul terreno di gioco, al termine del primo tempo di gara colpiva con un pugno all'altezza del torace un calciatore della squadra avversaria che non subiva conseguenze; perché propri tesserati, al termine della gara, nel tunnel degli spogliatoi, venivano a contatto con
tesserati della squadra avversaria e addetti alla sicurezza, generando una rissa successivamente sedata.

€ 1.500,00 COSENZA perché propri sostenitori introducevano e facevano esplodere nel proprio settore tre petardi; i medesimi lanciavano sul terreno di gioco due bottigliette d'acqua semipiene, il tutto senza conseguenze.

€ 1.500,00 ROBUR SIENA perché propri tesserati, al termine della gara nel tunnel degli spogliatoi, venivano a contatto con tesserati della squadra avversaria e addetti alla sicurezza, generando una rissa successivamente sedata.