Play-off: la delusione degli eliminati

13.05.2019 16:30 di La Redazione Twitter:    Vedi letture
Play-off: la delusione degli eliminati

Difficile riuscire a smaltire la delusione di essere eliminati al primo turno dei play-off. Anche se, per alcune squadre, la qualificazione era già un traguardo raggiunto. Anche tra le 6 squadre che dunque depongono subito le ambizioni di gloria lo stato d'animo può essere diverso. Andiamo ad approfondirli con alcune dichiarazioni rilasciate nel dopo partita.

Siena - L'eliminazione probabilmente più inaspettata. Parla il capitano Dario D'Ambrosio: "Faccio ancora fatica a crederci, dico la verità. E' stata una doccia fredda che sarà difficile da metabolizzare. A prescindere dall'avversario, eravamo convinti della nostra forza e di passare il turno - riporta TuttoC.com - Dovevamo vincere e passare il turno, c'è tanta amarezza".

Pro Patria - Tra le sorprese del Girone A, la formazione bustocca esce a testa alta contro la Carrarese. Questo il commento del tecnico Ivan Javorcic: "Faccio i complimenti alla Carrarese e gli auguro di arrivare più avanti possibile. Obiettivamente nel primo tempo ci ha messo in difficoltà perché è una squadra costruita per vincere il campionato. Giocare su questo campo è complicato per tutti - prosegue il tecnico dalle colonne di TuttoC.com -  Per noi si tratta di una stagione straordinaria, penso che Busto Arsizio debba essere orgogliosa di come la squadra abbia rappresentato città e società. I ragazzi sono stati splendidi anche nella sconfitta".

Alessandria - Il colpo di coda che ha portato alla qualificazione poteva dare la spinta per insidiare la Pro Vercelli. I grigi ci hanno provato ma è andata male. "Abbiamo subito molto la loro aggressività e fisicità - dichiara a fine gara Mister Colombo - sulle seconde palle arrivavano prima di noi ed erano insidiosi sulle palle inattive. Poi abbiamo reagito ma l'autogol ha condizionato la gara. Meriti comunque alla Pro Vercelli per questo passaggio del turno ma anche alla mia squadra che ha fatto il massimo".

Vicenza - Il coronamento di una stagione negativa è l'immediato addio ai play-off dopo il pari di Ravenna. Così l'allenatore Giovanni Colella: "Il pareggio è stato il risultato finale e se la classifica dice che devono passare loro è giusto così - riporta biancorossi.net - Non è colpa di nessuno, i ragazzi hanno interpretato bene la partita ma è andata così.  La differenza l’hanno fatta i punti di differenza nella regular season, siamo delusi ma non ci fasciamo la testa perché la squadra ha fatto una buona prestazione in condizioni che favorivano più loro che noi. Quando nel corso della stagione si cambia tanto, allenatori e giocatori, è tutto più complicato. Non giudico la scelta della società, ma l’esempio della Ternana dimostra come cambiare troppo non sia mai una buona idea".

Sambenedettese - Durissimo il commento del Presidente Franco Fedeli riportato dai colleghi di tuttosamb.it: "Mi ero illuso dopo un periodo positivo, ma oggi è stata l’ennesima delusione della stagione, questa squadra ha dimostrato ancora di non avere carattere. Non si può essere eliminati senza mai tirare in porta, è una cosa inaccettabile. Il futuro? Ho già detto che io con la Samb ho chiuso, spero che arrivino offerte concrete da parte di qualcuno perché la mia volontà è quella di andare via. Ho ottenuto una promozione in Serie C e siamo sempre andati ai playoff in questi anni, cosa si pretendeva più di così? Il mio tempo ora è finito davvero".

Fermana - Consapevolezza del grande obiettivo raggiunto ed elogio dell'avversario da parte del tecnico Flavio Destro: "Sicuramente il Monza ha fatto una grande partita da grande squadra quale è. Non lo scopro certo io oggi. Noi abbiamo fatto il massimo, ma ha vinto la squadra che meritava di più - riporta monza-news.it - La Fermana è una squadra partita per salvarsi ed è sempre stata nella parti alte della classifica, fino alla fine abbiamo lottato e siamo riusciti ad arrivare addirittura ai playoff. Dobbiamo essere solo contenti di questo e orgogliosi di questi ragazzi e di quello che hanno fatto".

Monopoli - Dispiaciuto l'allenatore Giuseppe Scienza: "La Reggina non ci ha mai impensierito, mentre noi non siamo stati precisi nel concretizzare al meglio alcune  ripartenze - scrive TuttoReggina - Chiaramente gli amaranto ci hanno messo del loro per strappare il risultato, hanno cercato di attaccare alti, ma ripeto, abbiamo sofferto poco. Abbiamo fatto una buona partita, ci è mancato, come altre volte, il colpo del ko"

Casertana - Finisce malissimo la deludente stagione dei campani e nel dopo gara parla il difensore Paride Pinna espulso nel match contro la Virtus Francavilla: "Chiedo per la mia espulsione. E’ un gesto che non mi appartiene. Ho perso completamente la testa. Non ho attenuanti. Mi scuso con la squadra, per averla lasciata in dieci, con i tifosi e lo stesso Partipilo - scrive il sito ufficiale - Nell’arco della stagione se non siamo riusciti a dare una svolta ed eliminare certi nostri difetti, vuol dire che che non abbiamo messo il giusto impegno. Forse siamo arrivati scarichi a questa partita importante”.

Rende - Buona stagione dei calabresi, l'allenatore Francesco Modesto commenta così l'eliminazione con il Potenza: "Non sempre si può giocare un calcio brillante quando hai di fronte una squadra forte come il Potenza. La gara poteva risolversi anche con un episodio o un guizzo che non è arrivato - scrive quicosenza.it - E' stata una partita combattuta fin dall’inizio, con le due squadre che si sono affrontate per ottenere il risultato migliore. Bravo il Potenza a ottenere il passaggio del turno giocando anche una buona gara senza concederci praticamente nulla, ma anche bravi noi che, nonostante in campo otto/undicesimi fossero classe 98′ e 99′, abbiamo tenuto la gara in vita fino alla finePeccato, ci riproveremo il prossimo anno provando ancora a valorizzare altri giovani. Anche a me è piaciuto più il Rende del campionato che quello di oggi".