La top 11 della terza giornata

 di Andrea Pardini  articolo letto 405 volte
La top 11 della terza giornata

Tanto equilibrio in tutte le gare del girone, ma anche alcune prodezze da evidenziare. Ecco la formazione top del turno appena trascorso:

Portiere

Liverani (Monza): spettatore per tutti i 90 minuti e oltre, allo scadere arriva la doccia fredda: il rigore per il Pisa. Lui rimette tutti in caldo (compagni e tifosi) con una super parata sul tiro di Eusepi. Semplicemente decisivo.

Difensori

Polo (Prato): un giovanissimo da tenere d'occhio, capace di giocare con personalita' e buon ordine.

Vettori (Pontedera): La retroguardia traballa, lui fa gli straordinari per tenerla in piedi. Ci riesce, il punto conquistato può accontentare i granata.

Negro (Monza) su e giù per la fascia con grinta e tanta buona volonta'. Non soffre mai, spinge fino alla fine.

Centrocampisti

Guberti (Siena): due gioielli che mettono in ginocchio l'Arzachena, i suoi colpi possono farlo diventare il leader dei bianconeri.

Cenciarelli (Viterbese): uno dei segreti della capolista. Regista che funziona con il vizio del goal

Guerra (Siena): protagonista del clamoroso goal nel recupero che vale la rimonta sull'Arzachena con un uomo in meno. Basta questo.

Bazzoffia (Pro Piacenza): in grande forma, corre e costrusce senza mai mostrare stanchezza.

Attaccanti

Ragatzu (Olbia): velenoso e sgusciante, morde ancora la rete permettendo ai suoi di non cadere davanti ai propri tifosi.

Jefferson (Viterbese): annichilisce la difesa della Carrarese con due goal che mettono in mostra il suo repertorio. In questa categoria sa benissimo come far male.

Bruno (Giana Erminio): gli anni passano lui non si ferma, vecchio lupo dell'area. Astuto e coordinato, punisce una svirgolata del Pontedera.