Alessandria-Gavorrano, scintille tra Favarin e i grigi

Questo articolo è offerto da Autocarrozzeria La Fontina, da 40 anni al vostro servizio per ogni marca in via Carducci 13 a Ghezzano (Pisa)

 di Marco Pieracci Twitter:   articolo letto 1517 volte
Giancarlo Favarin
Giancarlo Favarin

Duro e botta e risposta tra Giancarlo Favarin e l'Alessandria. Al termine della sfida di ieri, persa 3-2 dal suo Gavorrano, il tecnico pisano aveva sfogato tutta la propria rabbia nei confronti degli avversari: "Per me l'Alessandria farà fatica a salvarsi. È una squadra di pellegrini che ha picchiato per tutta la partita, gli hanno permesso di tutto: gomitate in bocca, hanno mandato in ospedale un difensore, un altro l'hanno mezzo picchiato. È un arbitraggio regolare secondo voi? Se sul 2-2 mi dai il rigore e vado sul 3-2 la partita cambia. Fino all'espulsione di Gonzalez i giocatori grigi hanno avuto la possibilità di picchiarci. Prima di buttare fuori lui ce n'erano altri tre da espellere". 

Dalle pagine di TuttoC.com è arrivata la replica del club piemontese, attraverso le parole dell'ufficio stampa, che ha dato la sua personale versione dei fatti: “Episodio spiacevole e poco edificante che non si giustifica con il fatto di aver perso una gara in superiorità numerica per circa 60 minuti. Nei linguaggi e nei comportamenti, tutti noi abbiamo il dovere di muoverci correttamente soprattutto nel dopopartita, anche se carico di tensioni e recriminazioni. Definire senza motivo ‘pellegrini e picchiatori’ i giocatori dell'Alessandria e rincarare poi la dose con gli stessi giornalisti in sala stampa è stato un episodio tanto brutto da vedere quanto da commentare”.