Trapani squadra da prendere ad esempio: un girone di ritorno da Serie A

Notizie dati e statistiche prima e dopo le partite a cura di Opta. Di Antonio Bini
 di Marco Pieracci Twitter:   articolo letto 1139 volte
Trapani squadra da prendere ad esempio: un girone di ritorno da Serie A

Dopo l’ultima sconfitta con l’Avellino, al Pisa servirà un netto cambio di marcia per poter ancora sperare nella salvezza. Sicuramente dovrà interrompersi quella striscia di partite senza vittorie, nove, che la vede insieme al Latina come la squadra che da più tempo aspetta il successo in campionato. Di fronte ai nerazzurri si troverà un Trapani autore di una grande rimonta: alla fine del girone di andata erano sette i punti che dividevano i granata, con una sola vittoria all’attivo, dalla penultima piazza. Ora la squadra siciliana è in 17ª posizione, a più sei sul Pisa, contando però la penalizzazione inflitta ai nerazzurri. Una scalata dovuta a un girone di ritorno all’altezza delle prime della classe: in 15 partite ben 25 punti, meno della sola SPAL, che ne ha conquistati 31 nel periodo in questione. Inoltre nel girone di ritorno il Trapani è la squadra che ha segnato di più: 26 reti. Nonostante l’ottimo periodo, i granata non sono ancora mai riusciti a vincere due partite interne di fila in questo campionato: nella gara casalinga più recente è arrivato il netto successo per 3-0 contro il Perugia. La squadra siciliana ci ha sempre creduto, in campionato, nonostante a metà stagione tutto sembrasse andare per il peggio, come nella singola partita. Infatti solo la SPAL ha guadagnato più punti da situazione di svantaggio rispetto al Trapani: 16 per i ferraresi, 15 per i futuri avversari dei nerazzurri. Dall’altra parte, tuttavia, il Pisa è la squadra che in trasferta ha raccolto il maggior numero di punti dopo essere andata sotto nel punteggio nel campionato di B in corso, grazie ad una vittoria in rimonta e sei pareggi agguantati. Per un Pisa che subisce gol ormai da otto partite consecutive, ma che soprattutto non è riuscito a segnare in tre delle ultime quattro, sarà fondamentale la fase offensiva. I due migliori marcatori nerazzurri, Daniele Mannini e Gaetano Masucci, hanno segnato tutti i loro gol in match esterni in questo campionato.