Pisa, le pagelle di una stagione negativa: la difesa

A cura della redazione giornalistica di TuttoPisa.it
20.05.2017 13:30 di La Redazione Twitter:   articolo letto 1156 volte
Pisa, le pagelle di una stagione negativa: la difesa

Il Pisa dopo una sola stagione deve salutare la Serie B. La squadra nerazzurra retrocede chiudendo il campionato al penultimo posto con 35 punti, sarebbe 39 quelli conquistati sul campo senza considerare la penalizzazione che comunque non cambierebbe il piazzamento. Annata negativa, condizionata da mille problematiche che comunque non possono giustificare il ritorno in Lega Pro.

TuttoPisa.it prova a ripercorrere il campionato dei singoli calciatori nerazzurri divisi per reparto. Iniziamo dalla difesa.

Samir Ujkani (35 presenze, 26 gol subiti): portiere di grande qualità, protagonista di parate importanti si rivela determinante anche come riferimento dentro e fuori dal campo dimostrando di avere grande personalità. VOTO 7

Daniele Cardelli (8 presenze, 14 gol subiti): in prospettiva senza dubbio un profilo molto interessante che ha dimostrato valore sia quando è stato, sporadicamente, chiamato in casa per le convocazioni di Ujkani in Nazionale che nel finale sostituendo l'estremo difensore kosovaro infortunato. Peccato per le sette reti subite nelle ultime due gare casalinghe. Quella di Novara all'esordio è una delle parate dell'anno. VOTO 6.5

Petar Golubovic (34 presenze): così come nella scorsa stagione alterna cose positive ad altre negative. 23 anni da compiere si pensava potesse fare un ulteriore salto dopo la crescita nella fase finale della scorsa stagione ma così non è stato. Risente del crollo complessivo nella parte conclusiva del campionato. VOTO 5.5 

Stefano Avogadri (13 presenze): scomparso dai radar dopo l'infortunio in Coppa Italia a Torino del 26 novembre ed è un peccato perchè si era sempre dimostrato affidabile e duttile. Difficile esprimere un giudizio complessivo considerando che non ha mai giocato nelle ultime ventisei partite. VOTO 6

Andrea Lisuzzo (28 presenze, due gol fatti): uno dei riferimenti nerazzurri all'interno ed all'esterno del rettangolo verde. Baluardo, insieme a Mannini, delle lotte estive ed autunnali. Positivo il girone di andata, si fa male a Cittadella ed al rientro fatica a trovare continuità fornendo comunque alcune buone prestazioni. VOTO 6+

Dario Del Fabro (34 presenze): una stagione divisa a metà, sorprendente la prima parte poi - anche a causa di un problema fisico - è quasi irriconoscibile nelle ultime gare. In prospettiva un giocatore sicuramente interessante.  VOTO 6

Luca Crescenzi (12 presenze): la stagione inizia male, con il rigore e l'espulsione di Terni, prosegue in maniera negativa tra anche con le problematiche al rinnovo contrattuale e l'infortunio di Cesena - in una giornata per lui storta - che poi lo tiene fuori quasi sempre nel girone di ritorno. VOTO 5

Milan Milanovic (12 presenze): arriva quando il calciomercato di gennaio è chiuso per il prolungarsi dell'assenza di Gattuso. Le prime 4 gare contro Frosinone, Ascoli, Carpi e Spal sono di buon auspicio ma il seguito invece è deludente. VOTO 5

Loick Landre (5 presenze): vale un pò il discorso fatto per Milanovic. Molto bene le prime 3 uscite dopo una lunga inattività dall'arrivo dalla Francia. Non bene a Brescia dove si fa anche male. Riappare per un tempo a Perugia per poi tornare di nuovo in infermeria. Non ci sentiamo di giudicarlo con un voto. NG 

Dario Polverini (1 presenza): Gattuso gli concede la passerella conclusiva contro il Benevento dopo 375 giorni di calvario dall'infortunio di Pistoia e le due operazioni. Se dovesse ritrovare una stabilità fisica potrebbe essere uno degli elementi da cui ripartire. NG 

Alessandro Longhi (38 presenze): uno dei più utilizzati anche per la carenza di alternative in quel ruolo. Non brilla neanche nel girone d'andata in cui qualche elemento dell'organico riesce a mettersi in mostra. Solo qualche sprazzo, soprattutto in fase offensiva, per un calciatore dal quale - dopo i 5 anni di Sassuolo - ci si aspettava molto di più. VOTO 5

Samuele Birindelli (7 presenze): se non la nota più lieta di una stagione disastrosa sicuramente una delle migliori. Pisano, 17enne, esordisce in Serie B ed anche se commettendo alcuni errori dimostra di avere una personalità eccezionale per un classe 1999. Segnali incoraggianti in prospettiva. VOTO 6+