Luca D'Angelo: "Arezzo forte, ci vorrà una partita importante"

28.05.2019 12:19 di La Redazione Twitter:    Vedi letture
Luca D'Angelo
Luca D'Angelo

Alla vigilia della trasferta di Arezzo ha parlato in conferenza stampa il tecnico del Pisa Luca D'Angelo: "Già nel match di gennaio stavamo facendo bene, avevamo fatto una bellissima partita contro il Siena e buone gare con Novara e Cuneo. Il pareggio sarebbe stato più giusto e loro vinsero con un rigore che non andava dato. L'Arezzo è una squadra forte che ha battuto sia all'andata che al ritorno la Viterbese. Ci vorrà una partita importante. Stanno tutti bene, compreso Verna che potrebbe giocare uno scampolo di partita. Vediamo come sostituire Marin, le soluzioni ci sono: possiamo anche cambiare modulo. Non possiamo fare calcoli, dobbiamo cercare il massimo. Sappiamo quali sono le loro qualità, hanno elementi validi in tutti i reparti. Bisogna cercare di imporre il nostro di giocare, altrimenti, se non riusciremo dovremo pensare a come limitarli. Hanno fatto un bel campionato e gli vanno fatti i complimenti perchè a inizio stagione in pochi avrebbero pronosticato un torneo di vertice. E' bello giocare davanti a tante persone, siamo abituati a questo e non credo ci saranno problemi per noi. Gli attaccanti stanno bene, sono in grande forma: ognuno ha le sue peculiarità, chi per un verso e chi per un altro potrà essere decisivo. Moscardelli lo vedo sempre molto equilibrato, ha così tanta esperienza che non penso minimamente possa farsi condizionare: ha fatto due buonissime gare in campionato e farà altrettanto in queste. Se l'Arezzo è arrivato fino a questo punto vuol dire che vale. Immagino che si giocheranno la partita, come faremo noi senza tergiversare. I ritmi saranno molto alti ma questo ci può favorire perchè stiamo bene sotto tutti i punti di vista. Mi aspetto quel tipo di partita. I playoff sono una competizione particolare, perchè non sempre i valori reali vengono fuori: in due partite è complicato per tutti. Dopo la partita con la Carrarese ho detto solo quello che pensavo e lo confermo, del resto non mi interessa molto, non mi faccio condizionare".