Pisa, le pagelle di una stagione deludente: portieri e difesa

Questo articolo è offerto da Palestra Zone Via Agostino Bassi 10, 56121 Pisa (zona Ospedaletto)
25.05.2018 19:00 di La Redazione Twitter:    Vedi letture
Gianmarco Ingrosso
Gianmarco Ingrosso

Un campionato in cui c'è veramente poco da salvare se non fare tesoro dei molti errori commessi cercando di non ripeterli. La stagione 2017-2018, nata con grandi obiettivi, si chiude con una squadra che esce a testa bassa dalla prima (doppia) sfida dei play-off palesando i limiti mostrati nel corso di tutto l'anno. Questi i giudizi su portieri e difensori da parte della redazione di TuttoPisa.

PORTIERI

Matteo Voltolini (16 presenze, 20 gol subiti): arrivato a campionato iniziato un po' a sorpresa dal mercato degli svincolati si ritrova titolare praticamente per tutto il girone di ritorno. Primo anno tra i professionisti per l'estremo difensore classe 1996 che dimostra di non essere ancora pronto per ricoprire il ruolo di titolare in una squadra che come il Pisa ambiva alla Serie B. Voto: 5.5

Lazar Petkovic (22 presenze, 14 gol subiti): il portiere serbo classe 1995 inizia bene la stagione, poi il grave errore commesso contro la Pistoiese sembra condurlo in un vortice di negatività dal quale fatica ad uscire. Responsabilità sulla prima rete dell'Arezzo nella gara d'andata. Poi l'infortunio, quindi perde il posto da titolare. Torna in campo a Grosseto contro il Gavorrano e commette un altro errore decisivo sul gol che decide la gara. Gioca la partita successiva con l'Alessandria poi non si vede più, neanche in panchina nei play-off. Voto: 5

Reinis Reinholds (0 presenze): oggetto misterioso il portiere lettone classe 1997, mai visto all'opera. NG

DIFENSORI

Samuele Birindelli (32 presenze): alti e bassi per il giovane laterale difensivo classe 1999 che per larghi tratti della stagione convive anche con il problema dei crampi che non gli permette di portare a termine le partite. E' giovane ed ha buone qualità per emergere. 4 assist che sintetizzano le qualità del giocatore soprattutto in fase offensiva. Voto: 6

Carmine Setola (5 presenze): 123 minuti sono pochi per poter dare un giudizio ma sono abbastanza per capire che probabilmente il terzino destro classe 1999 non era pronto per Pisa e indicato per il momento della stagione dei nerazzurri. Voto NG

Gianmarco Ingrosso (24 presenze, 1 gol): uno degli innesti più importanti e di categoria del calciomercato estivo. Una stagione contraddistinta da due infortuni che lo hanno fermato in momenti cruciali della stagione. Qualche sbavatura c'è stata ma ha dato anche la sensazione di poter dare solidità al reparto. Voto: 6

Andrea Lisuzzo (30 presenze, 1 gol): stagione non semplice che, nella parte centrale, lo vede a lungo in panchina con Pazienza che spesso lo relega a quarta scelta. Mai in dubbio il suo impegno ed il suo attaccamento alla maglia ma anche lui nelle difficoltà generali commette alcuni errori. Voto: 6-

Minel Sabotic (16 presenze, 1 gol): annata negativa per il montenegrino che nel girone d'andata non si vede praticamente quasi mai. Nella seconda parte del campionato gioca di più ma gli errori sovrastano alcune gare positive. Voto: 5

Luigi Carillo (18 presenze, 1 gol): impossibile giudicare solo il calcio giocato senza tenere di conto che dopo la trasferta di Olbia con l'Arzachena (18 febbraio) non fa praticamente più ritorno a Pisa a causa di una pubalgia ed invia certificati dalla Campania. Lo abbiamo spesso elogiato ma curarsi nella città della squadra che lo stipendia e condividere le difficoltà con i compagni sembrava il minimo. Voto: 5

Lorenzo Filippini (35 presenze, 1 gol): alti e bassi per il laterale mancino classe 1995 che dimostra di avere corsa e discrete qualità soprattutto quando attacca. Ma anche la sua stagione è contraddistinta da alcune battute a vuoto. Voto 5.5

Andrea Cagnano (3 presenze): vale lo stesso identico discorso fatto per Setola. Nel suo caso i minuti sono 140 ma non cambia la sostanza. Acquisto del mercato di gennaio apparso non adeguato alla situazione. Voto NG.