Le pagelle di Pisa-Triestina

30.07.2018 09:00 di Andrea Chiavacci Twitter:   articolo letto 2585 volte
Le pagelle di Pisa-Triestina

Il Pisa supera il primo turno di Coppa Italia piegando ai rigori la Triestina, dopo un emozionante 2-2 firmato dalla prima doppietta stagionale di Davide Moscardelli e dalla parata decisiva del giovanissimo portiere Campani su Mensah nella serie finale dagli undici metri. Un Pisa in grande emergenza difensiva, con De Vitis e Birindelli centrali assieme al 17enne Bechini, è riuscito comunque a giocarsela alla pari contro una formazione più esperta che era passata in avvio di gara con Bracaletti. I nerazzurri soffrono ma non mollano e pareggiano nella ripresa con Moscardelli, che poi firma anche il vantaggio ai supplementari. Il definitivo 2-2 è del solito Bracaletti su un rigore concesso per un fallo del nuovo entrato Meroni su Procacci che fa infuriare l’allenatore nerazzurro D’Angelo, espulso per proteste dall’arbitro Marchetti. Ai rigori i nerazzurri sono infallibili e vanno avanti. Domenica prossima secondo turno in casa della Cremonese.

Campani 7: l’uomo decisivo della serata non ha ancora compiuto 18 anni. Si ritrova titolare visto che Voltolini è in partenza e va in tribuna, ma non tradisce l’emozione. Incolpevole sul primo gol, alla fine riesce a stregare Mensah mandando avanti il Pisa.

Birindelli 6,5: non è un centrale ma se la cava bene piuttosto bene nella difesa a tre. Decisiva una sua chiusura su Mensah. Bravo dagli undici metri.

De Vitis 6+: da centrocampista si adatta a fare il difensore con grande generosità. Soffre Mensah ma è provvidenziale in avvio su un tiro di Bracaletti che sta per entrare in porta. Anche lui sicuro dal dischetto.

Bechini 6,5: Ingrosso si è fatto male e allora D’Angelo punta sul ragazzo che si è messo in luce nelle giovanili nerazzurre. Buon senso della posizione e poca paura contro avversari molto più esperti di lui. (101' Meroni 5,5: al debutto dopo un infortunio, commette il fallo da rigore su Procaccio che gli va via in area).

Zammarini 7: uno dei più forma. Nel primo tempo è uno dei pochi in grado di mettere ordine e far ripartire la squadra a centrocampo, nella ripresa crossa sulla testa di Moscardelli il pallone del pareggio.

Izzillo 5: in grossa difficoltà. Non riesce a far legna e neppure a proporre qualche iniziativa interessante  (80' Favale 6: si mette sulla fascia sinistra e sovrappone bene con Di Quinzio).

Gucher 6: parte male perdendo tanti palloni e facendosi anticipare da Maracchi in occasione del gol di Bracaletti. Cresce alla distanza recuperando il pallone che da il via all’azione del raddoppio di Moscardelli. Realizza il suo penalty nella serie finale.

Di Quinzio 6,5: anche lui cresce alla distanza. Ai supplementari prima impegna Valentini ad una difficile parata, poi pennella un gran cross per Moscardelli. Quando gira lui la squadra riesce a creare.

Lisi 6,5: tra i più attivi. Sfiora il palo con un bel destro a girare, poi chiude a destra dando anche una mano in fase di ripiegamento.

Moscardelli 7,5: una doppietta da vero bomber. A volte non lo vedi e poi salta fuori al momento giusto con due colpi di testa vincenti, oltre ad esser quello che rompe il ghiaccio dal dischetto. Può fare anche il tris ma calcia alto dopo uno splendido aggancio su un bel lancio di Gucher.

Masucci 5: spreca una grande occasione su sponda perfetta di Moscardelli. Gara piuttosto opaca (60' Negro 7: mette lo zampino in entrambi i gol con due belle aperture sulle fasce. Segna il rigore decisivo).

TRIESTINA: Valentini 6; Libutti 5,5 (94' Formiconi Sv), Malomo 6, Lambrughi 6, Sabatino 6; Maracchi 6,5, Coletti 6,5, Beccaro 6 (70' Steffè 5,5); Bracaletti 7,5; Mensah 6,5, Petrella 5(57' Procaccio 6).