Le pagelle di Pisa-Siena 2-2

20.01.2019 09:00 di Andrea Chiavacci Twitter:    Vedi letture
Mattia Minesso
Mattia Minesso

Gioco, gol, occasioni, sfortuna ed episodi dubbi. In questo 2-2 con il Siena c’è tutto il concentrato possibile delle emozioni e anche una punta di rammarico per non aver vinto una partita a tratti dominata, che a un certo punto il Pisa ha anche rischiato di perdere. E’ il top stagionale a livello di gioco per la squadra di D’Angelo che dopo un ottimo primo tempo passa in vantaggio con un gol realizzato direttamente dalla bandierina da Minesso. La gestione del vantaggio però è confusa e nel recupero Gliozzi pareggia con una bella rovesciata su cross di Fabbro. La ripresa si apre con un retropassaggio sbagliato di Meroni che favorisce il veloce Fabbro, pronto ad artigliare il raddoppio. Il Pisa però non ci sta e dopo una traversa di Minesso pareggia con Masucci servito da un ottimo Verna. Tre gol annullati, uno dubbio su De Vitis, e un rigore invocato per un tocco di mano in area di De Santis. Ma quello che non è piaciuto dell’arbitro Camplone è stato soprattutto il metro diverso nella gestione dei cartellini e il lasciar correre un po’ troppo su alcune entrate dei bianconeri. Ormai l’esito della contesa non si può cambiare, ma il Pisa visto ieri sera è apparso tutt’altra cosa rispetto a quello balbettante di 20 giorni fa a Cuneo. Adesso bisogna proseguire su questa strada.

Gori 6: prende due gol nelle uniche occasioni in cui il Siena centra la porta. Non può nulla sia sulla rovesciata di Gliozzi che sul tiro di Fabbro. Sicuro sui cross, ma per il resto è spettatore non pagante.

Meroni 5: si perde Gliozzi a centro area, poi sbaglia il retropassaggio che manda in rete Fabbro. Due errori pesanti (65' Birindelli 6: buon impatto nel finale)

De Vitis 7: non è un centrale difensivo ma garantisce idee di gioco senza disdegnare gli inserimenti in avanti. Scavalca il centrocampo con precisione e in pratica lo trovi ovunque. Meroni lo coglie in controtempo in occasione del gol di Fabbro, ma non demerita neppure in marcatura. Ringhia al guardalinee dopo il gol annullato.

Benedetti 6: qualche errore ma nel complesso non sfigura al debutto in nerazzurro. Porta fisico e quando serve bada al sodo.

Lisi 6,5: fa il pendolino tra difesa e centrocampo. Nel primo tempo le sue accelerazioni alzano i ritmi della gara. Ci crede fino alla fine quando ci prova in rovesciata.

Verna 7: porta ordine, corsa e ottime intuizioni. I suoi inserimenti disorientano il Siena e il Pisa spesso si trova in superiorità numerica nell’area avversaria. Avvia l’azione e va anche a rifinirla come in occasione del definitivo 2-2. Fosforo e polmoni.

Gucher 6,5: con il nuovo modulo fa un lavoro più oscuro ma comunque redditizio. Guberti parte bene ma se dopo 20 minuti cala è merito suo e di Verna che gli concedono poco spazio. Pericoloso al tiro e sontuoso con quel pallonetto che smarca Masucci in area all’inizio del secondo tempo.

Di Quinzio 6,5: va spesso al tiro e al cross con buona precisione giocando in pratica da ala sinistra. Spreca una buona occasione sul 2-2 ma nel complesso è una serata positiva anche per lui. La coesistenza con Minesso appare buona.

Minesso 7: ci mette un po’ a carburare ma poi va in crescendo, svariando anche sulle fasce. E’ un trequartista atipico, che sa  sacrificarsi e si adatta bene agli schemi di D'Angelo, che conosce bene. Segna un gol che gli argentini ancora oggi chiamano Olimpico, ovvero direttamente da calcio d’angolo, e coglie un legno clamoroso nella ripresa. Buon debutto  (82' Izzillo Sv)

Moscardelli 5: ci prova ma non è brillante al tiro. Spesso in ritardo sul pallone e poco incisivo in area avversaria (65' Pesenti 6: si muove bene e mostra già una certa intesa con i compagni di reparto per uno arrivato da pochi giorni).

Masucci 7: salta, tira e mette a sedere gli avversari. Dopo tanto tempo ritroviamo un giocatore all’altezza della situazione. Contini si supera su un suo colpo di testa, poi è bravo nell’anticipo in occasione del pareggio.

Siena: Contini 6,5; De Santis 6, D'Ambrosio 6,5, Rossi 6, Imperiale 6; Cristiani 5,5 (55' Sbrissa 6), Arrigoni 5,5, Vassallo 6 (76' Gerli 6); Guberti 6 (66' Cesarini 6); Gliozzi 6,5 (66' Cianci 6), Fabbro 7 (76' Bulevardi 6).