Michele Pazienza: "Contro il Prato abbiamo tutto da perdere"

10.02.2018 14:00 di Marco Pieracci Twitter:   articolo letto 1459 volte
Michele Pazienza
Michele Pazienza

Alla vigilia della sfida con il Prato parla in conferenza stampa il tecnico del Pisa Michele Pazienza: "E' una di quelle partite nelle quali hai tutto da perdere. E' importantissima per la classifica, per dare continuità ai risultati ottenuti finora. E' una partita da affrontare con lo spirito e la testa giusti perchè le due squadre hanno valori differenti come ha sottolineato anche il tecnico del Prato Catalano però questi valori vengono fuori nel momento in cui riusciamo a mettere la stessa intensità e voglia di ottenere il risultato. Una delle nostre forze deve essere l'intensità, nelle ultime partite è venuta a mancare un po' di tranquillità e di serenità. Esprimere un determinato tipo di gioco ci porta spendere molto e ad avere un po' di calo fisico nel secondo tempo".

Anche contro i lanieri non ci sarà Petkovic: "La squadra sta bene, tranne Petkovic, che ha ancora dei fastidi e non è a disposizione. Il Prato è una squadra che è intervenuta in maniera massiccia sul mercato ed è diventata anche meno prevedibile rispetto al passato. E' una squadra in salute, che ha morale, però noi dobbiamo concentrarci su noi stessi. Se metteremo in campo la stessa intensità verranno fuori le differenze di valori tra le due squadre. Bisogna evitare situazioni dovute a nostri errori che possono dare fiducia agli avversari. Abbiamo trovato una certa continuità e fino a quando avrò determinate risposte proseguirò su questa strada. Ho ancora un paio di dubbi, sia in avanti che a centrocampo. I nuovi li vedo motivati sin dal primo giorno e inseriti nel gruppo. Abbiamo avuto qualche difficoltà nel riprendere dopo la sosta ma lo avevamo già messo in preventivo".

Sull'esclusione di Mannini e il possibile rilancio di Maltese: "E' stata una scelta tecnica. Io metto sempre la squadra davanti al singolo. Maltese è un giocatore importante, purtroppo ha avuto un problema fisico a dicembre, ora sta molto meglio ma deve riprendere la condizione che ovviamente si riacquista solo giocando. Appena ci sarà la possibilità cercherò di rimetterlo in condizione".