Luca D'Angelo: "Teniamo molto alla Coppa"

31.10.2018 17:10 di Andrea Martino Twitter:   articolo letto 1744 volte
Luca D'Angelo
Luca D'Angelo

Dopo il passaggio del turno in Coppa Italia Serie C si presenta in sala stampa il mister dei nerazzurri. Luca D'Angelo è soddisfatto della prestazione dei suoi. "I ragazzi hanno approcciato bene la partita, meritando la vittoria. La sosta forzata di domenica scorsa non ha inciso sulle mie scelte. Era giusto dare spazio a chi è sceso in campo oggi, indipendentemente dal rinvio della gara con la Pro Vercelli o dall sfida di domenica a Chiavari. Teniamo molto all'appuntamento della Coppa Italia di Serie C. Oggi avevo anche pensato di proporre qualcosa di diverso in termini di modulo. Ma avrei tolto delle certezze alla squadra, e ho preferito non stravolgere i meccanismi. Moscardelli ha pienamente recuperato, si allena ormai da una settimana con tutta la squadra, e lo abbiamo preservato per le prossime tre sfide in sette giorni. Zammarini e De Vitis invece hanno avuto un piccolo attacco influenzale nei giorni scorsi, ma hanno smaltito le tossine. Quando ho sostituito Marconi ho voluto dare più dinamismo in attacco. Con il doppio centravanti forse eravamo un pizzico bloccati, e Cuppone ha saputo darci una grande mano con la sua rapidità. Sono molto soddisfatto anche della prova di Maffei: sa che deve crescere tanto e che troverà il giusto spazio nel prosieguo della stagione, sia in campionato che nelle coppe". Domenica forse riprenderà il campionato, e mi auguro che possa essere finalmente la volta buona. Preferisco non pensare a tutte le eventualità negative, come per esempio che la sfida di Chiavari si riveli inutile, o che i punti conquistati con il Pro Piacenza ci vengano tolti. Conosco personalmente il presidente Gravina, e sono sicuro che riuscirà a trovare le giuste soluzioni per tutti i campionati. Mi infastidiscono invece le risposte e le posizioni assunte da persone che nel mondo del calcio non dovrebbero più avere voce, che si sono permesse di criticare la richiesta del presidente Corrado di stoppare il Girone A in attesa delle decisioni definitive sul caos che stiamo vivendo. Nel mondo del calcio ci sono troppi personaggi che a mio modo di vedere non dovrebbero più parlare".