Davide Di Quinzio: “La squadra arriverà carica e serena ai playoff"

11.05.2018 18:20 di Andrea Martino Twitter:   articolo letto 925 volte
Davide Di Quinzio: “La squadra arriverà carica e serena ai playoff"

Sta volgendo al termine la seconda settimana consecutiva senza impegni ufficiali in casa nerazzurra. La squadra, al termine del ciclo di allenamenti, assaggerà il campo in un allenamento congiunto a porte aperte domenica 13 maggio. Lo sparring partner sarà il Cenaia, che in questa stagione ha disputato il campionato di Eccellenza. A parlare del lavoro svolto negli ultimi giorni e dell’atmosfera nello spogliatoio a nove giorni dal debutto nei playoff è il numero 10 del Pisa: Davide Di Quinzio.

"Dovremo essere bravi ad arrivare al primo incontro con la testa libera - esordisce il fantasista - perché se riusciremo a sfruttare le nostre armi potremo mettere in difficoltà chiunque".. Il numero 10 illustra il suo pensiero anche sulla nuova formula degli spareggi promozione: "Non è un vantaggio arrivare a quattro giorni dalla prima partita senza conoscere l'avversario. Sarebbe stato meglio poter lavorare con più tempo a disposizione per studiare l'avversario. Stiamo quindi lavorando molto dal punto di vista fisico - prosegue Di Quinzio - perché la condizione atletica ritengo che sarà fondamentale. Giocheremo ogni tre giorni ed è importante non peccare da questo punto di vista".

Il numero 10 si sofferma anche sull'importanza di non sbagliare l'approccio alla partita: "In campionato sotto questo aspetto abbiamo fallito qualcosa. Altrimenti non saremmo arrivati terzi. Adesso dobbiamo giocare in maniera spigliata, provando quello che ci riesce meglio. Sono d'accordo con il mister quando dice di prendere ad esempio la gara interna con il Pontedera". Ed un commento va anche ad una delle critiche più ricorrenti della stagione regolare: la carenza di personalità all'interno dello spogliatoio. "Io non credo che questa squadra abbia un grave difetto di carattere. A Livorno, per esempio, siamo stati condizionati dal gol subito praticamente a freddo. E' vero che in quel frangente abbiamo commesso un grave errore, ma da lì poi abbiamo costruito una buona prestazione. E credo che gli scontri nei campi molto caldi non ci spaventeranno e non ci creeranno problemi. Senza dimenticare che in trasferta siamo andati meglio rispetto che alle partite casalinghe".

Di Quinzio chiude la conferenza esprimendo un giudizio personale sul campionato e sulla scelta di venire a Pisa, presa nella scorsa estate. "Non posso dirmi pienamente soddisfatto, perché ero venuto a Pisa per centrare da protagonista la promozione in cadetteria. Ma abbiamo la grande opportunità di rifarci con gli interessi, e non possiamo fallirla. Non ho potuto esprimermi con continuità nel mio ruolo preferito, che è la mezzala in un centrocampo a cinque, ma adesso con mister Petrone sto interpretando in maniera differente la posizione di esterno sinistro. Giochiamo maggiormente palla a terra, e penso che anche le mie qualità possano essere apprezzate maggiormente. Se dovessi tornare indietro, alla scorsa estate - conclude - sceglierei ancora Pisa. Non rimpiango nulla: giocare qui è un privilegio".