Andrea Meroni: "Adesso viene il bello: vietate distrazioni. Ho un contratto fino al 2021 e qui sto bene"

27.03.2019 13:30 di Andrea Martino Twitter:    Vedi letture
Andrea Meroni: "Adesso viene il bello: vietate distrazioni. Ho un contratto fino al 2021 e qui sto bene"

Ieri sera dagli studi di 50 Canale è andata in onda, come di consueto, la puntata de "Il Neroazzurro". L'ospite speciale della trasmissione è stato il difensore del Pisa Sporting Club Andrea Meroni, il quale si è soffermato sulla bella vittoria contro la Carrarese per poi analizzare la prossima partita di Chiavari contro l'Albissola e il momento positivo attraversato dalla squadra.

"Con la Carrarese volevamo riscattare la pessima prova dell'andata - spiega - ci siamo riusciti con una prestazione bella, meritando la vittoria e schiacciando l'avversario per l'intera gara. Il divario nel risultato poteva essere anche più largo". "Stiamo bene, tutto il gruppo sente l'entusiasmo che trasmette il pubblico e siamo consapevoli di aver imboccato la strada giusta. Non possiamo però adagiarci sui risultati già ottenuti: è molto importante approcciare con la stessa mentalità tutte le partite, senza avere cali di tensione. I match contro le dirette concorrenti per i playoff si preparano da soli, mentre è sicuramente più difficile, ad esempio, preparare quelli con squadre come l'Albissola che lottano col coltello fra i denti per la salvezza. Ma non ci faremo trovare impreparati sabato".

"Avevamo preparato la partita con una grande pressione su tutti i portatori di palla - sottolinea il difensore in merito alla vittoria con la Carrarese - siamo riusciti a bloccare le fonti di gioco degli avversari con un bell'atteggiamento". "Tutta la squadra ha seguito alla perfezione le indicazioni che il mister ci ha dato in settimana. Gli attaccanti fanno un grandissimo lavoro di copertura e di difesa, ed è normale che quando arrivano nell'area di rigore avversaria accusano un pizzico di fatica e di appannamento". "Anche io personalmente seguo senza sosta i consigli e i concetti del mister - commenta il numero 13 - confrontarmi con una piazza così importante come Pisa è un fattore di crescita. Ero un centrale, e con l'impegno e il sacrificio ho migliorato anche le mie doti da terzino". 

"Posso dire che il gruppo è veramente forte e unito. I ragazzi che sono rimasti dallo scorso anno hanno consentito la perfetta integrazione dei nuovi a luglio, e poi durante il campionato siamo stati bravi a cementarci nei momenti difficili. Nessuno ha rifiutato il supporto e i consigli dello spogliatoio, e gli effetti di questa unione si vedono adesso in campo e anche fuori", commenta Meroni. "Questo è successo anche in occasione del mio errore con il Siena - prosegue - a partire dall'allenatore, tutti mi sono stati vicino senza farmi pesare o accusarmi dello sbaglio. Ho lavorato sodo, ogni giorno, per mettermelo alle spalle". "Nelle ultime settimane il mio nome è stato accostato a squadre importanti di Serie A - afferma il difensore nerazzurro - ma io non so niente di certo. Il mio contratto con il Pisa arriva fino al 2021 e sarei ovviamente felicissimo di proseguire qua il mio percorso di crescita. Dopo aver fatto la Primavera a Empoli, dove sono arrivato dalla mia città natale, Monza, ho avuto la prima esperienza tra i professionisti a Cosenza. Là ho imparato molto a livello caratteriale. L'anno scorso invece a Pagani ho trovato grande continuità, migliorando molto tecnicamente e tatticamente. Quando è arrivato il Pisa a gennaio 2018 ero veramente emozionato".