Ds Alessandria: "Pisa ottima squadra ma faremo una grande gara"

02.02.2019 13:00 di La Redazione Twitter:   articolo letto 582 volte
Massimo Cerri
Massimo Cerri

Vista la squalifica di mister D’Agostino e quella del suo vice Mancino è Massimo Cerri, direttore sportivo dell’Alessandria, ad incontrare la stampa per presentare il confronto con il Pisa in programma domani. GrigiOnline.com riporta le sue dichiarazioni pregara.

“Arriviamo dalla partita di Coppa e, tranne Santini (squalificato), Tentoni e Gjura, dovrebbero essere tutti a disposizionecompreso Maltese, che questa mattina farà un lavoro a parte e dobbiamo ancora valutare se portarlo con noi domani o aggregarlo al gruppo da martedì. Delvino è pienamente recuperato, mentre Akammadu, dopo la partita di Vercelli, sembrava più grave, invece ora possiamo pensare di averlo a disposizione. Il Pisa, comunque, è avversario di tutto rispetto, a prescindere dall’attuale classifica. Il Pisa è un’ottima squadra ed è uscita dal mercato completata in alcuni reparti ed ha preso giocatori come Minesso e Verna, che in C fanno la differenza, hanno preso Pesenti, che ben conosciamo e che ha già fatto due gol. Ma noi abbiamo tutte le motivazioni per fare una grande gara. Non vediamo l’ora di scendere in campo perché vogliamo fare risultato a tutti i costi. Domani il risultato ha un’importanza fondamentale. In panchina andrà il preparatore atletico Cristian Cassioli, il quale sarà il tecnico che potrà alzarsi. In panchina aggiuntiva ci saremo io e Servili, che però non potremo alzarci per dare indicazioni. Credo che D'Angelo da buon ex tenga molto a fare bene, così come Taddei. Marconi, altro ex, è infortunato così come Liotti, mentre Gucher e Marin saranno squalificati, perciò anche loro hanno assenze importanti. Giusto pensare che il decimo posto è ad undici punti di distanza, ma per poterci pensare dobbiamo porci un obiettivo più immediato e raggiungibile, che sono i tre punti di domani, dovremo lavorare sulla prestazione per ottenere il risultato, acquistare fiducia nei nostri mezzi. Poi potremo pensare al resto”.