Il calcio è intrappolato in un circolo temporale e non ha più nessuna credibilità

25.06.2019 13:30 di La Redazione Twitter:    Vedi letture
Bill Murray
Bill Murray

"Ricomincio da capo" è un film del 1993 con Bill Murray che interpreta un meteorologo che si ritrova intrappolato in un circolo temporale, ogni giorno rivive le stesse identiche 24 ore. Nel calcio italiano sostanzialmente a cadenza regolare accade più o meno la stessa cosa. Vengono promesse nuove
regole che eviteranno il ripetersi dei soliti problemi che invece puntualmente si ripresentano. Personaggi di dubbi valori che hanno già fatto danni altrove che si ripropongono come nulla fosse, società in crisi, denunce e ricorsi minacciati. Per poi finire con storie calcistiche spazzate via come se nulla fosse, calpestando la passione dei tifosi senza nessun ritegno.

La sensazione è che non ci sia veramente la volontà di risanare questo sistema che, anzi, con gli anni va sempre più peggiorando tant'è che ormai anche la Serie B - diversamente da alcune stagioni fa - è pienamente coinvolta da un malessere che sembrava riguardare solo la C. Ascoltiamo sempre e solo le stesse frasi di circostanza spesso pronunciate da chi da decenni fa parte di questo mondo e vorrebbe passare quasi da salvatore quando invece è tra i responsabili

Eccezion fatta per l'isola felice che riguarda un gruppo sempre più ristrette di squadre di Serie A il sistema è ormai in default. Dove non è riuscita ad arrivare la classe dirigente del calcio dovranno provare ad arrivare le società serie minacciando anche forme di protesta clamorose per cercare di risollevare uno sport che non ha più alcuna credibilità. Ed anche i tifosi, prime vittime di questi scenari vergognosi, nelle maniere consentite e corrette devono aprire gli occhi e ribellarsi quando il proprio club sta per passare in mano a faccendieri conosciuti per aver lasciato macerie in giro per l'Italia.

"Il calcio è di chi lo ama" è un jingle di alcune stagioni fa ormai noto quanto non veritiero: il calcio è ostaggio di interesse economici, manovrato solo per tornaconto di pochi. E così non si può più andare avanti.