Pisa, i play-off ai tempi delle elezioni amministrative: è la quarta volta consecutiva che accade

16.05.2018 16:00 di Maurizio Ribechini  articolo letto 1317 volte
Pisa, i play-off ai tempi delle elezioni amministrative: è la quarta volta consecutiva che accade

Diceva Agatha Christie: "Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova". Beh, qui però siamo oltre: sono infatti ben quattro volte consecutive che il Pisa partecipa ai play-off promozione nello stesso periodo in cui in città si vota per le elezioni amministrative. Procediamo con ordine in questo breve riepilogo storico e troveremo delle coincidenze incredibili.

Tutto ebbe inizio nel 2003 quando il Pisa di Gianni Simonelli partecipa ai play-off di Serie C1 battendo il Cesena in semifinale, e perdendo poi la finalissima contro l'Albinoleffe, che vola per la prima volta nella sua storia in Serie B. In quegli stessi giorni in città si vota per le elezioni amministrative (precisamente la domenica della semifinale di andata) e al primo turno vince Paolo Fontanelli per il centrosinistra, che viene riconfermato sindaco.

Nel 2008 il Pisa di Gianpiero Ventura, dopo un ottimo campionato di Serie B, partecipa per la prima volta nella sua storia (finora l'unica) ai play-off della serie cadetta e la sua rincorsa alla Serie A si ferma subito in semifinale, contro il Lecce. In questo caso va precisato che i play-off calcistici si svolgono in un periodo diverso rispetto alle elezioni: quest'ultime infatti si tennero il 13 aprile (il primo turno) e il 27 aprile (il ballottaggio), mentre gli spareggi promozione si giocarono ai primi di giugno.

Nel 2013 si realizzano una serie di coincidenze ai limiti del paradosso con quanto accaduto esattamente dieci anni prima. Nei play-off di Lega Pro il Pisa di Pagliari batte in semifinale il Perugia e poi in finale si arrende al Latina. Anche in questo caso, come nel 2003, chi spezza i sogni nerazzurri è un club alla sua prima promozione assoluta in Serie B; in entrambi casi la gara di ritorno della semifinale si chiudeva con un sofferto pareggio in rimonta (1-1 a Cesena nel 2003 e 2-2 a Perugia nel 2013); e ancora una volta nel giorno della semifinale di andata (che il Pisa vinse entrambe le volte con un solo gol di scarto) in città si votava per le elezioni amministrative: anche in questo caso bastò il primo turno per la vittoria di Marco Filippeschi del centrosinistra, che venne riconfermato sindaco.

Ed eccoci al 2018: anche in questo caso appunto il Pisa partecipa ai play-off e in città c'è clima elettorale, in attesa del voto del 10 giugno (giorno in cui peraltro si terrà una delle semifinali di ritorno). Ovviamente non possiamo prevedere niente né in un senso, né nell'altro; ma guarda caso, secondo molti osservatori, è alta la probabilità che quest'anno si debba ricorrere al ballottaggio per eleggere il sindaco, proprio come dieci anni fa...