Festival del gol nell'ultimo successo in casa del Piacenza

30.09.2018 10:00 di Andrea Chiavacci Twitter:    Vedi letture
Festival del gol nell'ultimo successo in casa del Piacenza

Il Pisa in casa del Piacenza ha vinto una sola volta in gare di campionato, nel 1970-71, e non vince in casa dei biancorossi dal 25 agosto del 1985 in Coppa Italia. Un tribolato 4-3 per un Pisa che si stava preparando alla sua quarta stagione di A contro un Piacenza emergente che si leccava ancora le ferite per lo spareggio perso a Firenze contro il Vicenza per tornare in B.

Partenza sprint. Il Pisa di Guerini veniva inserito nel girone 5 con i campioni d’Italia del Verona, il Bologna, la Cremonese e le due ambiziose emiliane di C Parma e Piacenza. Nell’esordio all’Arena il Pisa batte 2-0 il Bologna di Carlo Mazzone grazie a un buon secondo tempo. Ma che fatica, prima un rigore di Kieft sblocca la situazione e infine l’autorete di Fabbri. Il Piacenza invece perde per 2-1 in casa del Parma di Arrigo Sacchi. Quella di Piacenza è la prima trasferta della stagione. Guerini effettua un solo cambio rispetto alla squadra che ha battuto il Bologna inserendo il terzino sinistro Volpecina al posto di Chiti. La partenza è ottima e il Pisa segna con il libero Domenico Progna appena acquistato dal Campobasso e promessa dell’Under 21 di Vicini. Al 33’ è già 2-0 grazie a Michele Armenise. Nel finale di tempo il Piacenza accorcia con Snidaro.

Cambi decisivi. L’allenatore piacentino Titta Rota ci crede. La sua squadra gioca un calcio piacevole e al 56’ trova il pari con l’ex Catania Crialesi. Guerini però vuol vincerla e sfrutta tutte le tre sostituzioni a sua disposizione, una regola nuova introdotta solo per la coppa Italia. La sostituzione decisiva è la prima, con l’ingresso del giovane fantasista Ciro Muro al posto di Armenise. Muro ha compiuto da poco 21 anni è appartiene al Napoli ma fino a quel momento ha giocato solo un buon campionato in C con il Monopoli. E’ uno specialista delle punizioni e dei tiri da lontano, infatti dopo appena un minuto dal suo ingresso in campo sorprende Bordoni su calcio da fermo. Il Pisa insiste e va ancora in gol con un Wim KIeft già in grande forma. Entrano anche Cavallo per Volpecina e Mariani per Giovannelli. Il Pisa però si distrae e Madonna accorcia a due minuti dalla fine. Non c’è più tempo e il Pisa vince 4-3. I nerazzurri dopo tre giorni pareggiano 0-0 con il Parma, poi grazie alla vittoria per 3-1 sulla Cremonese e al pareggio per 1-1 in casa del Verona vincono il proprio girone e accedono agli ottavi dove ritrovano proprio i campioni d’Italia. La squadra di Bagnoli vince 3-0 a Verona e perde 2-0 a Pisa eliminando così i nerazzurri.