Amarcord 2008: rimonta vincente dei nerazzurri contro la Triestina di Maran

28.07.2018 19:00 di Andrea Chiavacci Twitter:   articolo letto 1134 volte
Amarcord 2008: rimonta vincente dei nerazzurri contro la Triestina di Maran

Pisa e Triestina non si affrontano all’Arena Garibaldi da quasi 10 anni. I nerazzurri di Giampiero Ventura non sono quelli devastanti di dodici mesi prima visto che Cerci, Kutuzov e Castillo sono andati altrove, ma per un pomeriggio il Pisa ritrova cuore, gioco e grinta portando a termine una splendida rimonta. Un 3-1 firmato da Greco e dai nuovi entrati Gasparetto e Alvarez. 

La beffa dell’ex. Il 4 ottobre 2008 il Pisa ospita la Triestina di Maran  in quello che è già uno scontro importante per non perdere terreno in chiave salvezza contro una squadra che è partita forte ed è ad un passo dal primo posto. I nerazzurri invece hanno vinto solo con il Modena e in classifica sono a quota 5 punti. Il pari a Salerno ha ridato entusiasmo ma dopo tre minuti gli ospiti gelano l’Arena anche se nel vecchio stadio pisano ci sono trenta gradi. Allegretti mette al centro da destra per l’ex Della Rocca, il quale si libera con una leggera trattenuta di Viviani e batte Alfonso ( che ha preso il posto del’incerto Morello)  con un destro da pochi passi. Il Pisa reagisce ma fino alla mezz’ora Agazzi non deve compiere grossi interventi, poi all’improvviso arriva il pari: Buzzegoli vede Greco da solo al limite dell’area, Joelson fa un velo, e l’attaccante controlla bene con il destro e calcia con un mancino lento ma di rara precisione che non lascia scampo al portiere Agazzi.

Coraggio premiato. Il Pisa insiste nella ripresa soprattutto sulla destra con Job che serve Greco in area, ma stavolta Agazzi si salva in due tempi complice anche Joelson che ostacola il tiro del compagno d’attacco. Il migliore in campo è Buzzegoli che al 57’ impegna ancora Agazzi, sulla corta respinta Job calcia in curva sud per la gioia dei tifosi giuliani. Il Pisa domina ma a metà tempo succede di tutto. L’arbitro Tommasi prima espelle mister Ventura per proteste, poi Job per due sciocche ammonizioni nel giro di pochi minuti. In dieci però il Pisa mostra forza e coraggio. Ventura dalla tribuna decide di sbilanciarsi: invece di difendere il pari inserisce gli attaccanti Alvarez e Gasparetto per lo stanco Buzzegoli e l’opaco Joelson. La scelta viene premiata al minuto 81: bella punizione da destra di Genevier per Gasparetto che prende il tempo a tutti girando in rete con un perentorio stacco di testa. La Triestina anche con l’uomo in più è fuori dalla partita e in contropiede arriva anche il 3-1 definitivo di Alvarez. Una vittoria che però illuderà i nerazzurri di disputare una stagione tranquilla.