10 anni da Pisa-Monza, Cristian Biancone: "Non dimenticherò mai l'Arena quando entrammo in campo per il riscaldamento. Siamo sempre stati convinti di vincere"

Foto di Gabriele Masotti tratte da "Il giorno perfetto"
 di La Redazione Twitter:   articolo letto 1624 volte
10 anni da Pisa-Monza, Cristian Biancone: "Non dimenticherò mai l'Arena quando entrammo in campo per il riscaldamento. Siamo sempre stati convinti di vincere"

17 giugno 2007, una data scolpita nel cuore del pubblico pisano. Al termine della partita casalinga contro il Monza il Pisa grazie alle reti di Ceravolo e Ciotola ritorna in Serie B a distanza di 13 anni. TuttoPisa ripercorre quella giornata facendo 3 domande ad alcuni dei calciatori simbolo di quella promozione.

Con 9 reti in 27 partite e tantissima grinta Cristian Biancone contribuì a quella storica promozione. Ed era una delle colonne portanti di quello spogliatoio. Alla prima domanda, ti ricordi che giorno è oggi, Biancone risponde: "Certo, San Ranieri". Poi qualche secondo di pausa ed aggiunge: "Sono passati 10 anni....".

Sono passati 10 anni da quel giorno. I ricordi sono ancora nitidi?

Sì, sono molto vivi. Ricordo benissimo la settimana che ci portò a quella partita ed il riscaldamento in quello stadio con un'atmosfera pazzesca. Dopo la sconfitta di Monza eravamo convinti di farcela, ma non che saremmo potuti riuscire a vincere, proprio sicuri che avremmo vinto. Non abbiamo mai preso in considerazione niente che non fosse la promozione in Serie B.

Cosa ricordi in particolare?

Durante la partita dopo l'1-0 ho sempre avuto la sensazione di aver vinto. Mi ripetevo che dovevamo tenere duro ma che la vincevamo. L'entrata in campo non la dimenticherò mai: 2-3 ore prima c'erano 20 mila persone con quel caldo. Incredibile.

Vincere è sempre difficile. Cosa fu fondamentale in quella stagione?

La convinzione del gruppo. Come dicevo siamo sempre stati sicuri di poter vincere. A posteriori forse avremmo anche potuto vincere quel campionato ma passare dai play-off ha reso tutto ancora più magico.

Foto di Gabriele Masotti tratte da "Il giorno perfetto"