Paolo Bravo: "D'Angelo capace e diretto. In C le regole ci sarebbero ma non vengono fatte rispettare"

16.01.2019 11:00 di La Redazione Twitter:    Vedi letture
Paolo Bravo
Paolo Bravo

Legato da anni di amicizia con il tecnico del Pisa Luca D'Angelo il DS del Sud Tirol Paolo Bravo è intervenuto durante "Il Neroazzurro" in onda su 50 Canale tutti i martedì alle ore 21.00 per parlare proprio dell'allenatore presente in studio: "E' un allenatore bravo, sa spiegare le cose ai giocatori, che non bluffa. Ha personalità, credo che il calciatore apprezzi un tecnico che dice le cose in faccia: il gruppo ne guadagna sicuramente. Ci sono allenatori che vanno in giro e trovano sempre in panchina, D'Angelo tranne Bassano ha sempre fatto bene, lavorando duro e conquistandosi ogni cosa. Pisa è una piazza ambita da chiunque in Serie C, per lui è un passo importante, se fa bene lì si guadagna un palco scenico importante per la cassa di risonanza che ha la piazza nerazzurra. E' arrivato li senza spinte o raccomandazioni". L'ex calciatore del Rimini commenta poi la Serie C: "Quando giocavamo a calcio noi la categoria era diversa, c'era grande qualità, regole diverse. Devo essere sincero però che quest'anno ci sono squadre forti, se si comincia un percorso di risanamento il livello aumenterà. Ma non è una questione di regole, che ci sarebbero anche, ma non vengono rispettate. Se fossero rispettate in C avremmo 45 squadre e non si presenterebbero tanti problemi. Invece poi in Italia c'è regola e contro regola e quindi non se ne viene mai a capo, ci sono società serissime ed altre che offrono gli ingaggi, non li pagano e drogano tutto il sistema". Un commento sulla regola degli under: "Si crea uno squilibrio, chi vuole li utilizza. Nel calcio professionistico gioca chi è più bravo".